GIUSTINO FORTUNATO

Rionero in Vulture (PZ) 04 Settembre1848 - Napoli 23 Luglio 1932

Nacque a Rionero in Vulture (PZ) il 4 Settembre 1848 da Pasquale e Antonia Rampolla,  discendente di una nobile famiglia insignita del titolo di marchese, nipote di Giustino Fortunato, primo ministro del Regno delle Due Sicilie dal 1849 al 1852  compì i primi studi presso il collegio dei Gesuiti a Napoli. Si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza e dopo la laurea decise di dedicarsi alla carriera politica. Frattanto si appassionò all'arte, all'alpinismo e al giornalismo diventando redattore di due giornali del partito moderato: "Unità Nazionale" e "Patria". Il suo intento politico fu di "cooperare alla ricostruzione civile della patria", perciò non aderì "né alla Destra né alla Sinistra".

Insieme a Leopoldo Franchetti, fonda l'Associazione per gli interessi del Mezzogiorno e per questo si batte in Parlamento: una delle sue tante proposte fu quella di costruire le ferrovie ofantine che, secondo il progetto, dovevano passare anche per il suo paese natale, Rionero in Vulture.

A causa però del suo carattere poco energico, combattivo, polemico e consapevole della sua timidezza, rifiuta diversi incarichi di governo. Gli ultimi anni sono tristi: si allontana da Rionero a causa dell'incomprensione dei concittadini e di due incidenti che gli mostrarono l'ingratitudine del popolo. Morì il 23 luglio 1932 a Napoli.